Chanoyu Vicenza  
Cerimonia del te con la maestra Makiko Wakita
 
 
Homepage
La via del tè storia e tradizione
La scuola Omotesenke
La Maestra Makiko Wakita
Il Maestro Kazuie Murayama
La casa del tè tradizionale
Gli strumenti per la cerimonia
I corsi di cerimonia del tè
Eventi in programma
Links utili
Foto gallery maestra Wakita
Foto gallery maestro Murayama
Contatto e richiesta informazioni
 
         
  Origine della scuola Omotesenke      
         
 

Sen no Rikyū (1522-1591), iniziò lo studio del Cha no yu a diciassette anni, con il maestro Kitamuki Dochin (1504-1562), divenendo due anni dopo diretto discepolo di Takeno Jōō, cui rimase vicino per i successivi quindici anni. Dal 1578 al 1582, Sen no Rikyū ricoprì l'incarico di funzionario dello shōgun Oda Nobunaga e, dopo la morte, probabilmente per seppuku (rituale del suicidio), di questo shōgun, ricoprì lo stesso incarico per il suo successore, Toyotomi Hideyoshi.

Tra il nuovo shōgun e il maestro del tè nacque subito un rapporto di rispetto reciproco, che consentì la diffusione di questa pratica nell'ambiente dei samurai e persino presso la Corte imperiale, dove il monaco Sōeki (questo era il nome religioso di Sen no Rikyū, il suo precedente nome "laico" era Yoshirō) ottenne la possibilità, nel 1585, di organizzare un incontro del tè.
Nel 1587, sempre con l'aiuto di Toyotomi Hideyoshi, Sen no Rikyū organizzò una importante riunione sulla cerimonia del tè presso il Kitano Tenman-gū (un tempio shintoista a Kamigyō-ku nei pressi di Kyōto), invitando centinaia di persone di ogni estrazione sociale e consentendo ai meno abbienti l'utilizzo del più economico riso tostato al posto del tè. Il grande ricevimento del 1587 fu uno degli ultimi episodi dell'amicizia tra lo shogun Hideyoshi e il maestro del tè. Da quel momento l'amicizia si incrinò e a tutt'oggi non si conoscono i veri motivi del dissapore tra i due, che si concluderanno, nel 1591, nel drammatico ordine dello shogun Hideyoshi a Sen no Rikyū di compiere seppuku.

Tra le ragioni che all'epoca furono adombrate vi erano l'accusa, rivolta a Sen no Rikyū, di aver posto nel tempio Daitoku-ji una propria statua all'ingresso di modo che persino lo shōgun vi dovesse passare sotto. Un'altra accusa riguardava il fatto di essersi arricchito con la compravendita di oggetti per la Cerimonia del tè. Ambedue le accuse si mostrarono presto infondate, di certo lo stesso Hideyoshi ebbe motivo di ricredersi se, a distanza di due anni dal tragico evento, decise di riabilitare con tutti gli onori la famiglia di Sen no Rikyū. Toyotomi Hideyoshi nominò erede del maestro del tè da lui costretto al suicidio proprio Furuta Oribe (o Furuta Shigenari, 1545-1615), l'unico degli allievi di Sen no Rikyū a rendergli pubblicamente omaggio nel momento della sua maggiore disgrazia. Lo stesso Oribe sarà costretto al seppuku, nel 1615, da un altro shōgun, Tokugawa Ieyasu (1542-1616).

Erede di Oribe fu Kobori Enshu (anche Kobori Masakazu, 1579-1647), che diffuse il Cha no yu presso l'aristocrazia giapponese, fondando il lignaggio della scuola di Cha no yu (denominata Oribe-ryū).

L'eredità della "casa" di Sen no Rikyū fu assegnata invece a suo genero, Shōan Sōjun (1546-1614) cui seguì il figlio Genpaku Sōtan (1578-1658).
Fu Genpaku Sōtan a rivalutare l'ideale wabi della Cerimonia del tè e il suo stretto legame con lo zen del tempio Daitoku-ji, fondando le basi del Cha no yu insegnato dalla famiglia Sen.

Genpaku Sōtan divise nel suo testamento i beni immobili fra tre dei suoi quattro figli, essendo il primogenito Sosetsu deceduto nel 1652. Il gruppo delle case principali della famiglia Sen fu diviso tra il terzogenito Koshin Sōsa (1613-1672), che ebbe la parte anteriore (Fushin-an) e il quartogenito Sensō Soshitsu (1622-1697) che ebbe la parte posteriore (Konnichini-an). Al secondogenito, Ichiō Sōshu (1593-1675), che si era allontanato dalla famiglia per un certo periodo di tempo, fu assegnata una abitazione situata su una strada vicina, Mushanokoji, denominata Kankyu-an.

Da ciascuno di questi figli di Genpaku Sōtan ebbe origine una differente scuola di Cha no yu, che si affianca a quella che ha origine da Furuta Oribe (Oribe Ryū): da Koshin Sōsa ha origine la scuola Omotesenke, da Sensō Soshitsu ha origine la scuola Urasenke e da Ichiō Sōshu, la Mushanokōjisenke. Tutte e tre le scuole sono a tutt'oggi esistenti.

 


Tokonomà nella stanza della cerimonia del te disegnata
da Sen No Rikyu (Tai-an)
- stanza di due tatami.

 
         
         
         
         
    Copyright Chanoyu Vicenza 2011©